Giardino e balcone d’estate: curali con questi alleati naturali
Sos salute

Giardino e balcone d’estate: curali con questi alleati naturali

Scopri le soluzioni ecologiche e i rimedi della nonna per liberarti di erbacce, afidi e zanzare senza ricorrere ai prodotti chimici

Piantare i semi o interrare i germogli appena spuntati è solo il primo di tanti passi lungo la strada che porta a un balcone fiorito e a un giardino incantevole. Gli spazi verdi delle nostre case richiedono cure costanti, e non ci riferiamo solo doverose innaffiature. Ci sono altri aspetti di cui occorre occuparsi per mantenere fiori e piante in salute e rigogliosi: le erbacce che minacciano l’ordine delle aiuole vanno rimosse, i terreni più poveri vanno concimati a dovere e i parassiti che potrebbero danneggiare le foglie devono essere tenuti alla larga. Per ognuno di questi problemi, c’è più una soluzione naturale a cui è possibile ricorrere in alternativa ai prodotti chimici.

Con aceto bianco e bicarbonato togli subito le erbacce

Contro le erbacce che riescono a infestare il giardino in pochi giorni, un vecchio e rapido “rimedio della nonna” è il bicarbonato di sodio: basta versare un po’ di polvere sulla superficie che si vuole lasciar libera dalle piante infestanti per eliminare ed evitare che ricrescano. Dopo aver sparso il bicarbonato, bagna il terreno con un po’ d’acqua. Ottieni lo stesso risultato anche se innaffi le erbacce con un litro di aceto bianco diluito in 500ml di acqua calda o, in alternativa, con un litro di acqua calda in cui hai disciolto circa 200 g di sale grosso.

Elimina le piante infestanti tra le fughe delle piastrelle

Eliminare le erbacce può essere difficile soprattutto quando queste crescono tra le fughe delle piastrelle del terrazzo o del vialetto. Virginie e Cyril Verglas, nel loro manuale “Sani e belli con i rimedi naturali” (Sonda edizioni), suggeriscono di usare l’acqua di cottura delle patate, che è "un diserbante efficace, naturale, economico e… semplice da preparale". È sufficiente conservare il liquido avanzato dopo aver preparato le patate bollite, travasarlo in una bottiglia, lasciarlo raffreddare e poi versarlo poco alla volta sulle piante infestanti.

Con fondi di caffè e bucce crei un concime naturale

Concimare significa arricchire il terreno di sostanze necessarie alle piante per crescere bene. In alcuni casi è un passaggio fondamentale, perché non tutti i terreni sono composti allo stesso modo: alcuni sono più poveri di altri. Se hai rose o azalee, puoi “nutrirle” mettendo nel terriccio, vicino al fuso, qualche fondo di caffè. Anche la buccia della frutta bio, specialmente delle banane, è un buon fertilizzante naturale che è possibile utilizzare allo stesso modo. In alternativa, puoi realizzare un ottimo concime a base di ortica, ricco di minerali e azoto. Trita circa un chilo di foglie di ortica, immergile in un grosso recipiente riempito con circa 10 litri di acqua (se possibile piovana) e lascia macerare per 10-15 giorni, mescolando spesso. Dopo questo lasso di tempo, sulla superficie non dovrebbero più esserci bollicine. Filtra, diluisci il concime con altra acqua (usa circa 5 litri di acqua per litro di concime) e versalo sulle piante quando serve, in piccole quantità. Questo fertilizzante naturale si conserva per 6 mesi a temperatura ambiente.

Contro le formiche ci vogliono le foglie di menta

Gli insetti non sono sempre una minaccia al giardino o alle piante del balcone, anzi: molti sono “buoni”, perché sono naturali antagonisti di altri parassiti o favoriscono un buon raccolto, nel caso degli orti. Le formiche, ad esempio, in genere non sono dannose per le piante, ma potrebbero diventare un problema se si addentrano in qualche ambiente domestico che si affaccia sulla zona verde. L’odore delle foglie di menta riesce a tenerle alla larga. Tieni una piantina di questa pianta aromatica sul balcone o sul giardino, se vuoi tenerlo sgombro dalle formiche, oppure preparare un infuso concentrato (usa 3-4 manciate di foglie in mezzo litro d’acqua) da filtrare, far raffreddare e conservare in un contenitore con nebulizzatore. Puoi spruzzarlo nelle zone della casa frequentate dalle indesiderate formiche.

Afidi e parassiti: prova l’insetticida naturale all’aglio

Tutt’altro discorso va fatto per gli afidi che, quando colpiscono una pianta, ne rubano la linfa e ne modificano la struttura. Sono insetti da eliminare il prima possibile! I fondi di caffè e il macerato di ortica, che abbiamo già citato come utili concimi naturali, sembrano efficaci anche come insetticidi: se li usi, quindi, potresti già essere al riparo dal rischio di afidi. Altrimenti un vecchio trucco è quello di usare l’olio extravergine di oliva: basta metterne un cucchiaino a settimana nel terriccio della pianta “sotto attacco”. Un’altra soluzione verde della tradizione popolare è preparare una soluzione disinfestante a base di aglio. Lascia macerare 5-7 spicchi in un litro d’acqua per un giorno, poi fai bollire per 30 minuti. Spegni il fuoco, lascia riposare per un’ora e filtra. Spruzza questa soluzione (usa un nebulizzatore) su foglie e rami occupati dagli afidi, con moderazione.

Gli oli essenziali che respingono le zanzare

Il ronzio è inconfondibile, la puntura si fa subito notare. Parliamo ovviamente delle zanzare che, sebbene non minaccino le fioriture di balconi e giardini, possono rendere poco piacevoli le ore di giardinaggio e le cene all’aperto. Piante come geranio e basilico sembrano utili per tenere alla larga questi insetti, quindi iniziare a coltivarle in vaso (in casa o fuori) può già essere un aiuto. Ricorda di evitare i ristagni d’acqua, soprattutto quelli nei sottovasi. Oltre a questo, ci sono diverse soluzioni verdi a cui è possibile ricorrere per liberarsi delle zanzare. Se cerci un repellente antizanzare da applicare sulla pelle, puoi provare l’olio essenziale di geranio rosato: diluiscine 10 gocce in 50 ml di olio vegetale e applica il mix sulle zone cutanee a rischio puntura, come caviglie e spalle. Attenzione, però: tutti gli oli essenziali rendono la pelle più sensibile al sole, quindi vanno usati solo di sera. Prima di impiegarlo, poi, assicurati che l’olio essenziale non ti causi sensibilità. Se vuoi qualcosa da diffondere nell’ambiente, prova qualche goccia di olio essenziale di citronella di Java: svolge un ottimo effetto repellente. Svolgono la stessa azione anche gli oli essenziali di menta piperita, di eucalipto, di basilico, di melissa e il tea tre oil.

APPROFONDISCI
L'orto sul balcone
L'orto sul balcone

È la miglior cura contro lo stress

CONSIGLIATO PER TE
Salute Naturale
Salute Naturale

La rivista che propone un modo nuovo di prendersi cura della propria salute

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?