Aggiungi un commento

Aldo 25/05/2014 10:46

Grazie per la spiegazione rassicurante...a differenza dell'esempio fatto sui bambini, io sono un adulto di 43 anni ed è diverse notti che mi risveglio con una crisi d'asma...essendo attento al mondo della salute e delle sue connessioni con la psiche e la sfera emotiva, sapevo già che si stava manifestando in mè qualcosa che si legava alla mia attuale situazione personale...infatti mi sto separando dalla mia compagna che amo molto...ed evidentemente, anche se questo è un passo condiviso e fatto in piena consapevolezza dei motivi, il mio "bambino" interiore ha timore di non farcela da solo...la mia dipendenza emotiva si esprime nel suo carico di paure...dunque grazie per questa sintetica ed utilissima spiegazione che mi aiuterà in questo mio percorso di autonomia e consapevolezza...

margherita 09/05/2013 22:54

Egregio dottore, ha perfettamente ragione! E' il senso di costrizione soffocamento che si somatizza. spesso la causa è effettivamente materna! Il genitore nn deve essere soffocante, ma deve essere un sostegno, un accompagnatore, un insegnante. Vero. Complimenti

Hijada 28/02/2012 13:07

Gent.mo Dott. Caprioglio,
Premessa la psicosomatica è una branca della psicologia di mio personale interesse in quanto quando ho un disturbo ho un disagio cerco la risposta in essa, lo metto in pratica ed il disturbo sparisce.Per quanto riguarda l'asma, le posso dire per esperienza personale che è vero in parte.Io ho sofferto d'asma dall'età di 4 anni sino all'età matura di 33-34 anni circa.Per la fascia infanzia posso dirle che concordo con lei in quanto l'esperienza è simile a quella della sig.ra Elgha ma molto più articolata, in quanto non solo mia madre ma entrambe i genitori erano alternativamente ho troppo distaccati o troppo oppressivi ed "esigenti" solo per ciò che era per loro logico. In sintesi gli attacchi d'asma mi venivano sia se erano distaccati sia se erano oppressivi ma sino all'età di 18 / 20 anni in seguito solo se qualsiasi persona era oppressiva. Liberandomi dei contatti oppressivi l'asma mi è sparita totalmente, da allora evito accuratamente tutte le persone invadenti e sono più di 18 anni che non ho più crisi asmatiche.Se per caso mi "incontro-scontro" con persone invadenti ho un leggero senso di soffocamento, mi libero di loro e torno a respirare benissimo.

elguita 23/02/2012 14:11

Gent.mo Dott. Caprioglio,
mi chiamo Brachini Elgha, ho 35 anni e vivo a Perugia, ho appena ascoltato la sua intervista...io soffro d'asma dall'età di 6/7 anni, ma in questi ultimi due anni si è molto accentuata.Ed è vero quello che ho appena sentito sull'interpretazione psicosomatica....mia madre è stata sempre assente nella mia vita dalla mia nascita fino all'età di 21 anni ( quando una sera per caso l'ho rincontrata) poi da lì piano piano ci siamo riavvicinate, ma solo con l'età matura riesco a volte a darle degli ALT altrimenti sarebbe troppo invadente... cmq mi perdoni non voglio dilungarmi in questo, ma piuttosto vorrei sapere gentilmente se si può fare un "percorso" nel quale riuscire a superare questo aspetto psisomatico di modo chè anche l'asma possa pian piano "svanire". La ringrazio della sua attenzione e aspetto una sua cortese risposta.Le auguro una serena giornata Brachini Elgha