Innamorarsi senza farsi male

 

 
Innamorarsi senza farsi male

Quando soffriamo per amore non è colpa del sentimento, ma delle illusioni che gli attacchiamo addosso e delle convinzioni che abbiamo sull'amore. Ecco come liberarsene e vivere felici l'innamoramento

 

La sofferenza non c'entra con l'amore!

D' amore non si muore, ma si sta male! Già, ma è proprio necessario soffrire per amore? In risposta alla "scuola di pensiero" che misura col tormento l'intensità dei sentimenti, vediamo di individuare gli atteggiamenti, le parole, i pensieri che ci condannano a sofferenze inutili. Così potremo salvarci da quella tipica "coazione a ripetere" che ci porta a rivivere anche con un nuovo partner gli errori commessi in passato. Cosa occorre? In primo luogo la capacità di guardare senza filtri noi stessi e l'altro.

Gli atteggiamenti sbagliati ci allontanano dall'altro

Come riconoscere se il nostro modo di amare è sano e portatore di benessere o se invece prepara il terreno a infelicità e frustrazione? Basta osservare come ci comportiamo e con quali atteggiamenti mentali ci disponiamo verso la coppia. Così come ci sono modi di guardare alla relazione con la mente aperta, libera da luoghi comuni pericolosi, esistono atteggiamenti a rischio che ci allontanano da un rapporto sereno con l'altro.

- La ripetitività

Adottare modelli di comportamento già collaudati ti impedisce di incontrare col partner attuale nuovi lati di te e  di sperimentare modi di essere ancora inesplorati. Prepari così il terreno alla "coazione a ripetere": stessi errori, stessi dubbi, stessi conflitti. E rendi  vecchia e scontata anche una relazione appena nata.

Il consiglio

Molla il repertorio amoroso di sempre e buttati: il refrain di "stessa spiaggia e stesso mare" ha fatto il suo tempo. E quel tempo è scaduto!

- Pianificare il futuro

È  il sogno di tutti gli innamorati che sia "per sempre". Ma da lì a vivere fuori tempo, a non gustarsi il presente, il passo è breve! La tendenza a fissare e consolidare il legame in forme più "strutturate", come fidanzamento, convivenza o matrimonio per il timore di perdere l'altro, può infatti indurre a proiettarsi sistematicamente nel futuro. Il rischio? Che aspettative e obiettivi futuri offuschino i desideri attuali tuoi e del partner.

Il consiglio

Abituati a vivere l'oggi, ad accordarti a ciò che senti nel momento presente. Ti accorgerai di un sacco di cose belle che trascuravi.

- La simbiosi

"Io e te che diventiamo un essere solo, separato da tutto il resto del mondo". Una tentazione cui è fisiologico indulgere nei primi tempi, ma insistere è molto pericoloso. Per amarsi occorre sempre rimanere "due". Se poi è solo uno dei due a pretendere l'esclusiva, sarà dovere dell'altro non cadere nella trappola. 

Il consiglio

Una coppia sana non teme il confronto con l'esterno: è curiosa, permeabile e utilizza gli stimoli per rimettersi in gioco e attuare un autentico scambio con l'altro.

- La gelosia

Sto bene anche senza di te

9,90 euro
Rinascere dopo un abbandono

Scopriamo come affrontare l'abbandono in ogni sua fase: rimanere a galla nel periodo iniziale; smontare le false convinzioni che ci incatenano al passato; evitare gli errori che creano la sofferenza. Lasciamo alle spalle un'esperienza ormai passata e riprendere in mano la propria vita.

 
Acquista
 

Quando ti prende la mano, basta un minimo segnale per scatenare il sospetto e farti frugare nei cassetti, nelle tasche, persino nei messaggi del suo cellulare... Ancora peggio se la gelosia è retroattiva, perché ti condanna a penosi confronti con un ex che, se non fosse costantemente riesumato da te, sarebbe già finito nel dimenticatoio.

Il consiglio

Se ti riconosci in questo quadro, rifletti con attenzione: la gelosia "malata" riduce il sesso a uno strumento di possesso e l'amore a una camera a gas.

 

Ultimi articoli

 
 
 

Test

Che carattere hai?

Che carattere hai?

Viaggiatore, Diplomatico, Stanziale o Ribelle: fra questi c'è anche il tuo. Scoprilo con il nostro test

fai il test
 
 

Sondaggio

Ti senti spesso stanco?
Ti senti spesso stanco?

C'è qualcosa che rende faticose le tue giornate? Cosa fai per liberare le tue energie? Fai il nostro sondaggio.

 

Istituto Riza di Medicina Psicosomatica

L'istituto Riza di Medicina Psicosomatica, fondato nel 1979 da Raffaele Morelli insieme a un gruppo di medici, psicologi e ricercatori, ha lo scopo di studiare l'uomo come espressione dell'unità psicofisica, riconducendo a questa concezione l'interpretazione della malattia, della sua diagnosi e della sua cura. 

Istituto Riza di Medicina Psicosomatica
Via Quadronno 20, 20122 Milano.
Per informazioni e appuntamenti per psicoterapie: 02 58 45 96 24 (dal lunedì al venerdì, 9-13, 14-18). 

 

 

Mai più vittima

Mai più vittima

9,70 €
Acquista