Il tarassaco (conosciuto come Taraxacum officinale per le sue proprietà medicamentose conosciute fin dall'antichità) è una pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Asteracee.

In erboristeria si usano foglie e radici del tarassaco

Proprietà: il tarassaco migliora il funzionamento del fegato, è un diuretico e un lassativo.

Impieghi: il tarassaco è utile in caso di dispepsia, litiasi biliare (azione preventiva), reumatismi, gotta, eczema cronico (come depurativo), disturbi del fegato, alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Controindicazioni: il tarassaco può favorire iperacidità gastrica, ulcera peptica, patologie ostruttive delle vie biliari.

Interazioni: il tarassaco interagisce con antidolorifici, amari, diuretici e ipoglicemizzanti.

Quando e come utilizzare  il tarassaco

In tutti i casi indicati: assumere 40-50 gocce di tintura madre di tarassaco, in un po’ di acqua, 3 volte al giorno, per 2 mesi. Se necessario, ripetere il trattamento dopo un mese di interruzione.

Curiosità: il tarassaco, pianta dall'origine controversa

Secondo alcuni studiosi, il termine “ tarassaco” deriva dal greco taràsso/tarachè, ovvero turbamento. Altri lo fanno derivare dall’arabo tarakcheken, nome che indicava un tipo di cicoria.