La dieta per vincere la gastrite

 

 
La dieta per vincere la gastrite

La gastrite si presenta con sintomi precisi che puoi riconoscere; ecco la dieta e gli alimenti giusti per prevenire e vincere la gastrite

 

Gastrite: ne soffre un italiano su cinque

Secondo recenti statistiche 12 milioni di italiani hanno la gastrite e oltre un milione sono portatori di ulcera senza saperlo. La grande novità degli ultimi vent'anni, però, è che a provocare gastrite e ulcera è, in oltre il 90% dei casi, l'infezione da Helicobacter pylori. Questo è un batterio che causa la gastrite di tipo B, detta anche gastrite cronica. Questo batterio, presente in tutto il mondo, si trova nella quasi totalità dei soggetti ulcerosi e nel 60% dei soggetti con dispepsie e disturbi digestivi vari, e si trasmette per contatto diretto. Scopriamo insieme come controllarlo e vincere il mal di stomaco.

Ecco i sintomi più comuni della gastrite

- Mal di stomaco: non è forte, ma continuo e diffuso, e si attenua solo mangiando.
- Nausea
: è per lo più lieve e dura tutto il giorno.
- Bruciore: il dolore allo stomaco peggiora anche solo bevendo un bicchiere d'acqua.
- Digestione difficile
: il senso di pienezza è simile a quello provato dopo un pasto abbondante, anche se hai mangiato solo un'insalata.
- Vomito
: si può scatenare tanto a digiuno quanto a stomaco pieno.
- Pancia gonfia
: la digestione è difficile e si accumula troppa aria nell'intestino.
- Senso di vuoto allo stomaco
: non hai fame, e avverti una sensazione simile a quella che si prova in macchina all'inizio di una brusca discesa.
- Sapore acido in bocca
: di solito succede mezz'ora o un'ora dopo i pasti.
- Palpitazioni
: il cuore comincia a battere forte dopo aver mangiato anche solo una caramella.
- Fitte a digiuno
: dolorose, passano appena metti qualcosa nello stomaco.

Le cause principali della gastrite

L'Helicobacter pylori è tra le cause più frequenti di gastrite cronica. Il mal di stomaco può anche essere conseguenza dell'abuso di sostanze come alcol, fumo, caffeina o di una cattiva alimentazione a base di cibi grassi, che se assunti in eccesso sono in grado di distruggere lo strato protettivo della mucosa dello stomaco, rendendola più sensibile alle secrezioni acide di quest'organo. Anche l'uso di alcuni farmaci, come l'aspirina e gli antinfiammatori, e lo stress possono provocare gastrite.

Che cosa serve al tuo stomaco

Fare piccoli pasti ripartiti correttamente durante la giornata, senza saltarli e senza anticiparli o ritardarli in modo eccessivo, è la prima regola salva stomaco. Altrettanto importante è masticare lentamente e accuratamente. Queste accortezze favoriscono il processo digestivo e riducono la produzione di acidi che potrebbero essere dannosi per le mucose. È altresì importante cercare di consumare i pasti in situazioni di tranquillità: il pasto deve essere un momento piacevole e rilassante, non una corsa contro il tempo.

Riduci il colesterolo con i rimedi naturali

8,90 euro

Così salvi cuore, cervello e arterie. Eviti ipertensione, arterosclerosi, infarto e ictus.

 
Acquista
 

È inoltre salutare, dopo aver mangiato, avere un po' di tempo per rilassarsi o per fare una passeggiata a passo moderato.

Cibi Sì
Latte e yogurt parzialmente scremati; carni bianche; pesce magro; formaggi magri freschi; cibi preparati con metodi di cottura leggeri (a vapore, in padella con cotture brevi, alla griglia facendo ben attenzione a non bruciare l'alimento).

Cibi No
Cibi ricchi di grassi; carni e pesci grassi o conservati (sotto sale, sott'olio, affumicati ecc.); formaggi grassi (soprattutto quelli fermentati come il gorgonzola); intingoli vari; bevande alcoliche (specie i superalcolici), caffè, bibite gassate.

È importante sapere che...

- L'eccesso di cibo stimola una superproduzione di succhi gastrici ed esercita una pressione sullo stomaco facilitando il reflusso acido.
- Anche saltare i pasti può essere nocivo: alle ore canoniche lo stomaco secerne acidi, e se resta vuoto il cibo non può assorbirli. Il peggio poi è riempire il buco con aperitivi, noccioline, patatine fritte, merendine e simili, tutti causa di acidità gastrica.
- I cibi grassi, l'alcol e la cioccolata tendono a far refluire i succhi gastrici, mentre gli alimenti troppo caldi o troppo freddi e quelli salati (insaccati, conserve, sottaceti, cibi affumicati e molti formaggi) tendono a eccitare la secrezione gastrica.
- Le sigarette favoriscono bruciore e rigurgiti acidi.

Il piatto antigastrite: carote in casseruola con pane di segale

Ricetta per 2 persone
Affetta finemente 500 g di carote e falle cuocere in acqua in ebollizione finché siano tenere. Quindi frullale con poca acqua di cottura. Versa il purè ottenuto in una casseruola con una noce di burro e fai scaldare. Servi con pane di segale.

Perché ti fa bene
La segale, sconsigliata in fase acuta, è tuttavia adatta per la prevenzione della gastrite grazie alle sue proprietà depurative, regolatrici dell'intestino e antistress. Le carote ben cotte sono utili per assorbire l'eccesso di acidi prodotti dallo stomaco durante la digestione, quindi questi ortaggi hanno un buon effetto antinfiammatorio e antigastrite.

Un'alternativa: succo di carote
Da preparare con la centrifuga e da diluire con acqua. Per arricchirlo, aggiungi erbe aromatiche e una presa di curcuma.

Ultimi articoli

 
 
chiara 29/07/2014 23:18

Ciao, mi chiamo Chiara e ho 14 anni. Sono qui per chiedervi aiuto.
Circa un 1 anno e mezzo fa ho sofferto di un fortissimo dolore allo stomaco, precisamente nella parte della bocca dello stomaco e nella parte centrale fino ad arrivare alla pancia (ma in maniera leggera). Fatti vari controlli non è risultata nessuna particolare anomalia, tranne alcune allergie (scampi,merluzzo,mais,cacao,latte) ma poco aggressive, un piccolo ingrossamento del fegato, ma non c' è stata traccia del virus Helicobacter pylori anche dopo aver fatto l' esame per vederne la presenza o non. Alcuni dottori mi hanno prescritto svariate medicine, sperando in qualche miglioramento e pensando che ci fosse un reflusso gastroesofageo o una gastrite. Alcuni pensavano fosse solo un problema d' ansia o qualcosa legato al ciclo mestruale e ai vari ormoni. Dopo qualche mese il disturbo è andato via e non ci ho più pensato.
Ora passato un anno è ritornato tutto come prima e il mio dolore addominale, il gonfiore dopo aver mangiato anche solo uno spaghetto, il vuoto forte che provo prima di mangiare e come se non mangiassi da 4 settimane, quando il mal di stomaco è molto forte ho anche un senso di nausea, un sapore forte e mal odorante in bocca, fitte durante il pasto, male allo stomaco che aumenta quando mangio e che passa quasi del tutto appena finito di mangiare. A tutto questo si è messo anche il fastidio di sgradevoli palpitazioni ed extrasistole che facendo respiri profondi passano.
Giusto oggi ho iniziato una cura con delle capsule il cui nome è Omeprazen a portare avanti per due settimane e vedere il risultato positivo sperato.
In questo tempo non ho mai fatto una gastroscopia, perchè mi spaventa l' idea del tubo che dalla bocca arriva fino allo stomaco e per la paura di vomitare dopo o durante. Però se dopo la cura che sto effettuando non ci sarà nessun risultato metterò da parte le mie paure e farò la gastroscopia.
Intanto dopo aver letto la mia disperata richiesta d' aiuto vi prego di rispondere per darmi nel frattempo qualche consiglio o aiuto. Sto davvero male. E alla mia età dovrei scoppiare di salute... e invece non sto mai bene.
Help me!! Grazie a presto.
Chiara So******, Latina 29/07/14

PATRIZIA 23/07/2014 15:31

VORREI SAPERNE DI PIU SULL ELICOBATTER HO PRESO TANTI ANTIBIOTCI POTETE CONSIGLIARMI QUALUNO DEI VOSTRI RIMEDI FATTA GASTROCOPIA FATTE ANALISI RISULTATO POSITIVA ALL ELICOBATTER GRZ

Maria Palma 11/07/2014 18:43

C'e' collegamento grastrite e extrasistole? grazie anticipatamente

Maria Palma 11/07/2014 18:39

Grazie delle informazioni preziose che ci date...

CRISTIANO 11/07/2014 00:14

oGNI VOLTA CHE ASSUNO peptazol sto peggio... si esasperano i dolori e sintomi..
Ho cambiato con Omeprazen a basso dosagio.. meglio, ma la sera sempree dolori..

Cred che faccia bene la malva fiori e foglie in decotto, a josa.. E le carote lesse
Assumerei anche dei fermenti ed enzimi digestivi di ottima fattura.. Ciao

Ila 11/06/2014 13:54

Purtroppo ho la gastrite dovuta al forte stress ..il problema è che nonostante io mangi cibi dietetici e pochi sto ingrassando o meglio mi sto gonfiando parecchio...Come posso fare?

Rosanna 26/05/2014 20:01

salve , ogni volta che faccio attività fisica sto male, mi si forma aria e non riesco a respirare bene , con tachicardia annessa... quando erutto mi sento meglio..salendo l'aria lungo l'esofago mi da dolore al petto , dopo aver eruttato passa tutto..come mai secondo voi accade questo???

franco 15/05/2014 12:21

Per VALERIA: mi trovo in una situazione simile alla tua, se vuoi scrivermi possiamo parlarne e confrontare le esperienze

sssovidiu 27/03/2014 20:06

salve da 12 giorni prendo esomeprazolo 40mg x la gastrite cronica da 3 girni o forti dolori pancia stomac tutto mi fa male ...cosa succede?

valeria 23/03/2014 20:22

Per carita` non prendete IPP. A me non hanno risolto il reflusso ma in compenso, dopo due due periodi di assunzione, 40 gg poi sospeso per 15 e ripreso per due mesi, ha alterato tutte le secrezioni a livello gastrico e adesso la mia gastrite lieve e asintomatica e` diventata dolorosissima e mi fa male sempre il lato destro (penso fegato) e la pancia. Tengo duro e mi aiuto con riopan (peraltro con scarso beneficio) spero che col tempo il mio apparato digerente riprende a funzionare regolarmente. Da una settimana mangio solo patate lesse scondite e senza sale, pollo lesso e riso bollito,tutto senza olio e senza sale. A colazione mi concedo pane tostato e miele e camomilla. Cio` nonostante ho sempre dolore giorno e notte. Da vera buongustaia sono arrivata ad aver paura del cibo. Maledetto esomeprazolo. Comunque purtroppo i medici in casi come il mio sanno solo dare qualche consiglio. Non c'e` diagnosi, non c'e` cura. Sto provando a prendere mezzo cucc.no di argilla in poca acqua prima dei pasti principali e sinaire all'inizio dei pasti principali per evitare la formazione di gas intestinali che peggiorano la sintomatologia dolorosa. Vorrei sapere se a qualcuno e' successo di avere questi effetti collaterali assumendo esomeprazolo.

 

Test

E tu come fai la spesa?

E tu come fai la spesa?

Scopri se scegli i cibi giusti per dimagrire e mantenerti in forma…   

fai il test
 
 

Sondaggio

Alimentazione vegetariana: cosa ne pensi?
Alimentazione vegetariana: cosa ne pensi?

Sono tante le ragioni che possono portare alla scelta di eliminare la carne dalla propria alimentazione e i benefici sono riconosciuti da molti studi e ricerche. Qual è la tua opinione su questo modello alimentare sempre più diffuso?

 

Vuoi dimagrire? Riza ti aiuta!

Se hai deciso di dimagrire Riza è la tua migliore alleata. Ogni giorno puoi contare sul sostegno di medici e nutrizionisti: dai libri alle riviste, dagli esperti che rispondono online al Centro Rizadi Medicina naturale, siamo qui per aiutarti aperdere peso in modo naturale e senza stress.

                                 PER SAPERNE DI PIÙ>

 

La dieta vegetariana

Istituto Riza di Medicina Psicosomatica

9,90 €
Acquista
 

Centro Riza di Medicina Naturale (Milano)

Centro Riza di Medicina Naturale ha una sezione specializzata in dimagrimento olistico, dove si applica un metodo innovativo basato su tre elementi decisivi per perdere peso

Informazioni e prenotazioni: 02 58 20 793.