VIDEO Per dimagrire riscopri la tua unicità

I lati di te che non vedi e gli interessi autentici che trascuri diventano chili di troppo: se li recuperi, l'energia dimagrante si attiva spontaneamente

Vi presento il nuovo numero di Dimagrire e per farlo parto dalle parole di una lettrice, Marina, che mi ha scritto una email molto significativa. Marina dice di essere forte in tutto, si definisce una persona molto decisa e accentratrice. Queste sono le parole con le quali si descrive: "Tutti dipendono da me, sul lavoro e in famiglia. Faccio una vita frenetica, corro, prendo decisioni, risolvo problemi. Andrebbe tutto benissimo, non fosse che continuo a ingrassare".

Dobbiamo sempre ricordarci che ingrassare, su un piano psicologico e simbolico, significa "recuperare" e fare inconsciamente spazio a un lato di noi che non stiamo vivendo. La donna sempre forte è unilaterale, orienta la mente e quindi la vita in una sola direzione. La dolcezza, la tenerezza, la passività non fanno parte della vita di Marina e così questi lati si manifestano con la ricerca del cibo in eccesso e nell'accumulo di peso...

I lati di te che non vivi diventano chili di troppo

Giulia, invece, è stata colpita da un mio video nel quale parlo della magia del dimagrimento, così mi racconta la sua esperienza. La maggioranza delle persone, quando è triste, tende a compensare attraverso il cibo, mentre a lei accade il contrario: la tristezza la fa dimagrire. Quando questo sentimento se ne va, ricomincia a mangiare, troppo. Contrariamente a quel che pensiamo, la tristezza non arriva perché siamo sbagliati o perché ci sia capitato qualcosa, ma perché il tipo di vita che facciamo non libera certe forze inconsce, qualità, capacità o interessi che abbiamo e che non esprimiamo. Nel caso di Marina, sempre dura e forte, l'inconscio recupera la dolcezza nel cibo, in quello di Giulia la tristezza ha a che vedere con qualcosa che dal suo interno vorrebbe nascere, ma che lei non fa venire alla luce. Appena sta meglio, si dimentica di questo bisogno di trasformazione interiore e ricomincia a mangiare.

Dimagrisci quando ti ricordi di te!

Quando ingrassiamo, significa che stiamo bloccando un meccanismo di evoluzione, di rinascita. Un'altra signora, e ne parlo proprio in questo numero di Dimagrire, mi racconta di aver cominciato a tenere un piccolo diario, dove annotare tutte le sensazioni piacevoli o spiacevoli che provava. Mentre lo faceva, totalmente presa nell'azione, ha cominciato a vedersi in un modo più consapevole e autentico e ad aver quindi meno bisogno del cibo in eccesso. Spontaneamente, è dimagrita. In tutti noi esistono lati che rimuoviamo: se li recuperiamo, perdiamo peso. Sono gli atteggiamenti mentali sbagliati a oscurare questi lati, rendendoli invisibili: più di tutto, è questo che fa ingrassare. Quando invece siamo allineati con gli istinti, le passioni e i desideri, il cervello antico, l'inconscio è felice e il dimagrimento riesce.

Cerca la gioia anche nel dolore: chi lo fa smette di ingrassare

Un'altra cosa importante da fare, è ricordarsi di accantonare, ogni tanto nella giornata, quello che riteniamo essere il nostro grande problema. Ecco un altro caso, di cui si parla nel nuovo numero di Dimagrire: "Ingrasso perché lui mi ha lasciato. Si è messo con una più giovane e bella di me e io mi tormento e mangio". Se non ti paragoni, se ogni tanto ti estranei, scoprirai facilmente che anche se lui ti ha lasciata, le tue risorse interiori sono intatte. In questi casi puoi dirti: "Sono stata lasciata, sarò sempre infelice, mi butto sul cibo per compensare". Oppure puoi chiederti, semplicemente: "Che cosa mi piace? Che cosa so fare? Che cosa mi riesce bene?" Scoprirai così che anche nella più acuta sofferenza, la gioia è presente. La strada per dimagrire passa da qui. Buona lettura!

Dimagrire è disponibile sia in formato cartaceo che digitale.

ACQUISTA ORA

AGGIUNGI UN COMMENTO
Articoli collegati
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?