Tu
Quando gli attacchi di pianto purificano dal dolore

Gli attacchi di pianto arrivano per sciogliere le sofferenze e andare oltre: solo accettando i momenti di fragilità, le paure possono andarsene..

Ci scrive Federica: “Ho letto mesi fa un articolo su Riza Psicosomatica che mi ha colpito. Diceva che che dobbiamo essere fluidi e mutevoli come l’acqua, che dobbiamo cercare il cambiamento e solo così possiamo dimagrire. Io vorrei tanto farlo, rinascere, liberarmi delle paure che mi prendono in alcune circostanze ed essere più serena e tranquilla. Ho perso mia mamma quando era ancora molto giovane, circa 10 anni fa. I primi anni sono stata comunque bene, sembrava che il dolore non mi avesse proprio colpito e ho continuato la mia vita come se nulla fosse. Poi un bel giorno ho iniziato ad avere dei cedimenti e sono iniziate le paure, le ansie e gli attacchi di pianto e sono ingrassata di parecchi chili. Sono sempre stata una ragazza forte, dinamica e con tanta voglia di fare. Voglio in tutti i modi ritornare a essere quella di prima! Da dove devo iniziare?”

leggi anche: non temere le lacrime, lavano l'anima

Le lacrime arrivano per soccorrerti 

A volte affrontiamo la vita con troppa forza e, prima o poi, arrivano i cedimenti, come ad esempio un attacco di pianto, a correggere il tiro per riequilibrarci. Non sono loro il problema, ma la durezza unilaterale ed esclusiva con cui ci poniamo, come se nulla ci toccasse. Quando un evento triste e traumatico ci colpisce, inizialmente tendiamo a negarlo e a continuare a vivere come se nulla fosse, finché un giorno, inevitabilmente si presentano gli attacchi di pianto, le ansie o le paure a farci tornare alla mente quello che ci è accaduto. Esattamente quello che è successo a Federica: i primi anni sono stati apparentemente facili, fino a quando sono iniziati gli attacchi di pianto. Il triste episodio che le è accaduto in passato è riaffiorato e lei si è ritrovata vittima di ansie e paure. Come se non bastasse, oltre alle lacrime, sono arrivati anche dei chili di troppo e lei non sa come uscire da tutto ciò…

Le lacrime che non piangi diventano chili

Per essere completi, forza e cedevolezza devono convivere in noi. Ecco il senso degli attacchi di pianto tanto temuti da Federica, in apparenza immotivati: sciolgono il dolore e lo portano finalmente via. E per fortuna che arrivano! Se accettiamo di vivere i momenti di fragilità, le paure, anche la sofferenza più acuta, come la morte di una madre in tenera età, potrà essere superata e metabolizzata. Al contrario, le lacrime non piante presto diventano chili, come è successo a Federica. Non dobbiamo cercare di diventare insensibili al dolore o non andrà mai via: al contrario dobbiamo percepirlo, viverlo a pieno e poi andare oltre. Altrimenti il cibo e il sovrappeso finiranno per diventare una pericolosa valvola di sfogo!

APPROFONDISCI
La formula della felicità

La gioia di vivere non dipende dagli altri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?