Aggiungi un commento

Diego 02/06/2016 11:29

Il pianto, quando non è strategico, permette alle emozioni di fuoriuscire evitando il ristagno. . È come l'immagine dell'acqua che, in una fonte, zampilla e scorre, e perciò si rinnova continuamente.

Pauline 27/03/2016 21:11

Il pianto è il prodotto finale dell'elaborazione di un'emozione, un'elaborazione che passa prima nel corpo.

alchimista 26/03/2016 23:14

Quando il cielo "piange",piove,potrai camminare a testa alta e lacrimare.E' l'unico momento in cui la gente non si accorge di ciò forse...

Ettore 26/03/2016 21:59

Le lacrime sono come la pioggia,lavano l'anima.

Diego 22/03/2016 19:58

" Nella nostra società il pianto e' una sorta di tabù " Aggiungo : Guardando il rovescio positivo mi verrebbe da dire, a buon diritto, " il dono delle lacrime ". Eh, si! Perché sono un distillato delle emozioni.

Alberto 22/03/2016 14:50

Bell'articolo, la cosa che mi piace meno è la citazione della Bibbia; rispetto a pieno le persone fedeli, però prediligo la neutralità e l'esclusione delle religioni quando si trattano argomenti psicologici o medici, salvo che servano per riportare disturbi legati a psicosi o come simili, generate da esse.