Impara a contemplarti, trovi la felicità
Tu | fiducia in se stessi

Impara a contemplarti, trovi la felicità

Bisogna diventare grandi osservatori dei propri stati interiori senza volerli correggere: allora “da dentro” emergeranno le azioni più utili a raggiungere la felicità

Quando percepiamo uno stato d’animo - tristezza, ansia, rabbia, gelosia - per prima cosa cerchiamo una causa esterna e immediatamente dopo pensiamo a una possibile azione da mettere in campo. Ad esempio: una frase del partner mi ha ferito, sento il dolore, la rabbia, lo sconforto. Allo stesso tempo cerco di capire: ho sbagliato qualcosa? Mi vuole lasciare? Perché non trovo mai il partner giusto? Eppure ci metto tanto impegno! E subito la mente vola alle possibili soluzioni: ipotizzo chiarimenti, penso che dovrei farmi valere di più o magari lasciarlo, cerco una riconciliazione, avanzo scuse e spiegazioni. Vengo così rapito da un turbinio di “pensieri-soluzione”, che tuttavia non riesce a portarmi verso la soluzione migliore. Anzi spesso peggiora le cose.

Come trovare la felicità dentro di sé

Le ferite dell’orgoglio servono a crescere

Quelli appena descritti sono pensieri di superficie, una schiuma che non giunge dal profondo, ma dalla semplice reazione meccanica che avviene quando il mondo esterno si scontra con i nostri progetti di vita e di felicità. Ad esempio con l’ideale di “coppia perfetta”. Ma chi ci dice che non sia proprio quell’ideale a portarci fuori strada nella vita? Assecondare quei pensieri potrebbe voler dire ignorare altri segnali, ben più preziosi. Grazie alla contemplazione entri in sintonia con la vita. Per attivare uno sguardo diverso, occorre cioè familiarizzare nel nostro quotidiano con un approccio contemplativo. Ogni volta che da dentro emerge uno stato d’animo, invece di cercare spiegazioni e soluzioni, impariamo a osservare con partecipazione. Solo questo sguardo - che non giudica, non cerca cause e non vuole subito risolvere le cose a modo suo - ci mette nello stato migliore per accogliere ciò che la vita ci sta portando: allora possiamo trovare azioni più efficaci, spontanee e naturali, perché nascono dal profondo, e non dalle nostre idee di superficie. Farlo non è difficile, è sufficiente aumentare il grado di consapevolezza dei singoli stati. In questo modo, per esempio, potremo scoprire che quella frase del partner non ci ha davvero ferito, ma ha solo mandato in frantumi il castello di modelli in cui ci eravamo rinchiusi. E che le ferite dell’io fanno male, perché sono ferite dell’orgoglio, ma spesso sono necessarie per evolvere.

Allarga il tuo sguardo e ripeti: anche questo sono io

Quando, di fronte a una certa emozione - ad esempio il dolore per qualcosa che ti è accaduto - non sai come comportarti, anziché perderti in mille ragionamenti, fai così: fermati, rallenta la mente e impara ad ascoltare i messaggi che arrivano dal tuo mondo interno. Ad occhi chiusi immagina la situazione che ti ha causato tanta sofferenza. Hai litigato col partner, discusso con tuo figlio, una collega ti ha offeso. Non importa quale sia la motivazione: ti senti investito da tristezza, sconforto, rabbia. Osserva come si muove il tuo interno: senti la pancia in preda all’emozione? Ti cedono le gambe? Hai un sussulto al petto?  Sii consapevole e presente alle tue emozioni, sospendi ogni commento e ogni decisione, e distogli la mente dall’obiettivo che ti eri prefissata: spiegarti, giustificarti, porre fine al conflitto. Limitati a percepire quel dolore. Limitarsi significa cedere il campo ad altre forze, che ne sanno più di te. Adesso che hai sentito bene le emozioni nel tuo corpo, pian piano, vai più in là e sfoltisci la mente dalle cause, dalle persone… Non esiste più il marito ipercritico, il figlio scontroso, la falsità della collega… C’è solo la tua emozione, la cosa più autentica perché prodotta da te. Ripeti a te stesso: "Non c’è niente da rimettere a posto, questa è la mia vita". Sospendere il giudizio ti aiuterà non solo a trovare soluzioni inaspettate, ma anche a non attribuire un carattere di permanenza ai disagi. Il dolore è sempre momentaneo, se non ti ostini a volerlo trattenere rimuginandoci sopra.

TAG
FELICITÀ
CONTEMPLAZIONE
PSICOLOGIA
APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?