Cura le verruche con l'erba giusta
Erbe e fitoterapia

Cura le verruche con l'erba giusta

Queste antipatiche lesioni della pelle sono causate da un virus e sono comuni sia ai piedi che alle mani, ma esiste una cura naturale molto efficace

Le verruche sono lesioni dell’epidermide di tipo proliferativo, provocate cioè dall’infezione cutanea di particolari virus. La letteratura medica ne distingue le forme Piane, poco rilevate o aggettanti e sono generalmente innocue, ma se di grosse dimensioni e in “sedi” delicate del nostro copro possono dare forte prurito e diventare assai dolorose.

Si diffondono solo per contatto diretto

Le più comuni sono le verruche volgari, le lesioni più semplici, popolarmente note come porri. Sono prominenze della pelle ruvida, secca e dura, che interessano il dorso e le dita della mano oppure la pianta dei piedi. Soprattutto a livello plantare, dove pressione e attrito sono massime, la verruca cresce rapidamente e può essere molto fastidiosa, tanto da limitare la capacità di deambulazione. Prima di ricorrere alle tecniche più comuni di “bruciatura chimica o fisica” della lesione verrucosa, è possibile provare una cura naturale.

Prova la celidonia

L’erba rondinella o celidonia (Chelidonium majus) è una pianta erbacea perenne, molto comune tra la vegetazione spontanea dei nostri prati e tra quella che cresce ai bordi delle strade. Dal fusto eretto e frondoso è ben nota per il contenuto giallo lattescente che sgorga dai suoi rami recisi. I nostri nonni tramandano ancora il suo uso nella medicina popolare, ovvero l’applicazione locale sulle lesioni verrucose di una generosa quantità di questo fluido vegetale dal colore giallo. In effetti la celidonia contiene sostanze vegetali capaci di contrastare la crescita delle verruche. Poiché i principi attivi di Chelidonium sono contenuti principalmente nella radice fresca della pianta, oggi si preferisce utilizzarne la tintura madre in applicazione topica.

Come utilizzarla

Per la cura delle verruche di ogni dimensione e sede è indicato un trattamento prolungato con 15 gocce di tintura madre di Chelidonium diluite in poca acqua (un cucchiaio circa) applicate direttamente sulla zona cutanea interessata dalla verruca. L’applicazione va ripetuta tre volte al dì per almeno un mese. È bene non superare i dosaggi indicati senza supervisione medica. La tintura di Chelidonium a dosaggi elevati, se assunta oralmente, può essere tossica per la mucosa dello stomaco e provocare gastrite. Va assolutamente tenuta fuori dalla portata dei bambini.

TAG
VERRUCHE
PELLE
CELIDONIA
PIEDI
MANI
APPROFONDISCI
Il formidabile cocco
Il formidabile cocco

Abbassa la pressione, regola il colesterolo, fa dimagrire e rigenera il cervello

CONSIGLIATO PER TE
I meravigliosi burro di Karité e olio d'Argan
I meravigliosi burro di Karité e olio d'Argan

Il burro di Karité e l’olio di Argan si ricavano dai semi di due...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?