L'Agenda della Felicità 2021 di Raffaele Morelli

Raffaele Morelli presenta l'Agenda della Felicità 2021, un'amica preziosa che ti accompagnerà per tutto l'anno nell'unico viaggio che devi fare: quello alla scoperta di te

Vi presento l'Agenda della Felicità 2021. Settimana dopo settimana, mese dopo mese vi ho riassunto quelli che a mio parere sono i codici necessari per star bene con se stessi, tutto l'anno. Ogni mese ho scelto un tema: ad esempio, l'importanza del "posare lo sguardo". Che cosa significa? Lo testimoniano le storie delle persone che mi scrivono per raccontarmi la loro esperienza. Ad esempio, una signora mi dice: "Quando accade qualcosa che non funziona, o quando si affaccia nella mia mente il pensiero di aver sbagliato vita, io seguo il suo consiglio e poso lo sguardo su quel pensiero, senza dirmi altro. Poi, sogno a occhi aperti qualcosa che mi piace. Ho notato che, così facendo, piano piano, quel pensiero si dirada fino a scomparire". Un buon progetto per il 2021 è dunque quello di posare lo sguardo su quel che proviamo o pensiamo, anche se non ci piace, e aspettare.

Riscopri l'antico che ti abita

Un altro tema su cui mi sono soffermato nell'agenda è quello dell'uomo antico che ci abita. Si tratta di una specie di esercizio immaginativo. Dirsi: sì, questa è la mia vita, questo sono io, ma non sono solo questo, sono anche "antico". Non sono solo l'uomo o la donna del 2021, sono una persona del 1500, del 1200, dell'epoca degli antichi romani, dei greci, degli egizi, dei veda. Il mio lavoro mi ha insegnato che basta evocare dentro di noi un'immagine perché questa, nell'ombra, agisca. Immagina dunque l'antico che ti abita ancor oggi e affida a lui le tue difficoltà. Si tratta di un cambio di prospettiva radicale, che può innescare cambiamenti molto significativi, perché ci riconnette con la nostra energia primordiale, la vera base sulla quale si sorregge la vita.

Via dalle abitudini

Un altro argomento fondamentale per l'anno prossimo è quello dell'importanza delle novità nella nostra vita. Siamo spesso sopraffatti dalle abitudini, da frasi fatte come questa: "Dottore, ho sempre fatto così, come posso cambiare ora?". Cambiamo rotta, proviamo a introdurre nella nostra esistenza una variante, una cosa nuova, anche piccola. Scegliamo un mese, ad esempio Aprile e diciamoci: "Voglio introdurre una cosa nuova, nuova come la primavera che arriva..."

Accogli la tristezza e lasciale tagliare i rami secchi

E che dire della tristezza? Quando arriva, bisogna farle posto. Quando vediamo l'autunno avanzare, i rami degli alberi perdere le foglie, non dovremmo dimenticare che noi siamo fatti della stessa natura. Se ogni tanto evoco l'immagine di me che perdo le foglie, i rami, allora posso prendere contatto con una simbologia più profonda, legata al tema della potatura, dell'eliminazione dei rami secchi "mentali", di tutti quei modi di pormi che non funzionano e... tagliarli! "Dottore, tutte le volte che mi ripropongo di mettere a posto il mio rapporto con lui o con lei, la serata finisce peggio." Non sforzarti, dunque: quando è il loro tempo, i rami secchi cadono da soli.

L'Agenda della Felicità 2021 di Raffaele Morelli è disponibile sia in edicola che sul nostro store online.

ACQUISTA ORA

Perdonati e rifiorisci

Non si può tralasciare, per il 2021, il tema del perdono o meglio dell'auto perdono. Dire a se stessi: "Tu vai bene come sei; non ci sono obiettivi da raggiungere o cambiamenti da mettere in atto". In noi esistono grandi forze vitali, risanatrici: ogni volta che immaginiamo una pianta che fiorisce, noi stiamo rifiorendo con lei. Non a caso, questo pensiero permea tutte le tradizioni antiche, di ogni luogo della Terra.

Solo tu puoi occuparti davvero di te

Fra i consigli che trovate nell'Agenda della Felicità 2021, domina la saggezza antica, che ci ricorda anche l'importanza del riuscire a stare soli. Oggi siamo tormentati dalla paura della solitudine; al contrario, durante la giornata, prova a stare solo, davvero solo, anche per pochi minuti. Se percepisci bene questa solitudine, l'abbandono non ti farà più paura. Ma la cosa forse più importante e il mio augurio per l'anno che verrà, è quello di riuscire a star bene con se stessi e questa agenda serve a comprendere che l'unico che può occuparmi di me sono io. Solo io posso ricordarmi di me, solo io posso trovare la mia pace interiore. Per farlo, devo accogliere ogni mio lato, ogni mio volto. Un grande psichiatra, Sheldon B. Kopp, affermava: "Voglio star bene così come sono, andando d'accordo con tutte le parti di me che non mi piacciono. Quindi, voglio andare d'accordo anche con i desideri malvagi, con ciò che mi tormenta".

Affidati alla tua guida interiore

Molti popoli antichi immaginano l'uomo come un albero sul quale cantano due uccelli: uno canta la felicità della realtà esterna, del calendario, molto effimera. L'altro canta l'eternità. Dentro di noi esistono sogni, immagini e pensieri che appartengono solo a questo regno, all'eterno. Il mio augurio per l'anno prossimo è che anche grazie a questa agenda e tutte le nostre pubblicazioni, i nostri lettori riescano a dare sempre più spazio a questo lato di sé, che è presente dagli albori del proprio essere ad oggi. Dobbiamo ricordare questo: c'è un'energia primordiale interiore che ha sempre cura di noi, una madre e un padre antichi e primordiali che hanno cura del nostro destino. Un uomo o una donna diventano completi, integri quando hanno cura di tutto quel che li allontana dal pensiero comune, che trasgredisce le regole del branco, che li rende unici. Un fatto è certo: basta cambiare anche di poco l'idea statica che ci siamo fatti di noi per cominciare a stare bene e in pace con noi stessi. Buona lettura e buon 2021!

AGGIUNGI UN COMMENTO
Articoli collegati
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?