L’istinto sa, la mente invece illude
Tu | fiducia in se stessi

L’istinto sa, la mente invece illude

Solo quello che sentiamo è davvero autentico, mentre ciò che pensiamo o crediamo è appreso, esterno, superficiale: l'istinto non può sbagliare!

L'istinto è la nostra risorsa più preziosa: al contrario, la mente spesso è fuorviante e ci induce all'errore. Per capirlo bene, ecco un curioso esperimento, che solo in apparenza riguarda la degustazione di marmellate. Per eseguirlo, i ricercatori reclutarono diversi gruppi. Un primo gruppo prese questa ricerca come normale routine: si trattava di assaggiatori professionisti di marmellate, veri esperti. Un secondo gruppo invece fu preso a caso: amatori, consumatori occasionali e persino qualche passante. Dunque i due gruppi assaggiarono, cucchiaio dopo cucchiaio, vasetto dopo vasetto, fino al momento della classifica. Da un lato gli esperti, vanitosi del proprio sapere, consapevoli di ogni sfumatura, consistenza, resistenza al palato, persistenza di odore. Dall’altro i golosi puri e semplici, volontari devoti a questo “dolce” sacrificio. I tabelloni erano coperti, quale vasetto avrebbe vinto? Furono scoperti i punteggi e sorpresa: le classifiche erano uguali!

LEGGI ANCHEAscolta il tuo corpo, è l’istinto che parla

L’istinto non sbaglia mai, seguilo!

Per giustificare questa uguaglianza, il capo squadra degli esperti presto spiegò: “È normale che sia così, noi giudichiamo molti aspetti, consistenza, colore, valori nutrizionali, ma alla fine il gusto ha il punteggio più alto!” Sospiri di sollievo, l’onore era salvo. E a ben vedere non era neppure una sciocchezza quella detta dal capo squadra. Ma non finisce qui: alla fiera successiva, per evitare che si verificassero nuovamente tensioni, stavolta al gruppo di non esperti venne tenuto un corso accelerato di degustazione di marmellate. Alla fine della formazione, quelli che entrarono come sprovveduti, ne uscirono come esperti. Arrivò il momento della gara. Al termine vennero stilate le classifiche: i valori erano tutti sballati! La classifica degli esperti vedeva premiate delle marmellate che erano invece state bocciate dai reduci del seminario di poche ore prima. Nel panico generale prese la parola il solito capo squadra degli esperti che spiegò: “È normale che sia così, poiché sapere poco a proposito di marmellate è peggio che non saperne affatto: offusca il gusto!”

LEGGI ANCHESe ti affidi all'istinto non sbagli mai

Fidati del tuo istinto e sarai sempre a casa

Questo esperimento ci fa riflettere. Spesso nella vita crediamo che imparare qualcosa sia l’unica cosa che conta, ma non è così: ci buttiamo in mille corsi di formazione, talvolta anche accelerati per avere massimi risultati nel minor tempo possibile, e finiamo con il dimenticarci della risorsa più importante che abbiamo, l’istinto. Durante la prima competizione, il gruppo di non esperti non aveva conoscenze da cui attingere, non ne sapeva nulla a riguardo: le uniche risorse che aveva erano le sensazioni. Percepiva il gusto della marmellata migliore senza mille studi, ma basandosi solo sull’istinto. Quando nella seconda fiera è stato introdotto il corso accelerato per non esperti, la spontaneità è venuta meno: i reclutati non hanno più seguito le proprie impressioni ma quello che avevano imparato. Questo perché è l’istinto l’unica guida da seguire: non sbaglia mai, che si tratti del sapore di un cibo o di cose molto più importanti. Impariamo a seguirlo sempre e non ci farà mai sbagliare strada.

TAG
ISTINTO
RAGIONE
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Il cervello sa come curarti
Il cervello sa come curarti
L'atteggiamento mentale giusto produce le molecole dell'autoguarigione e della felicità.
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?