Psicosomatica
Perso il senso della vita? Ritrovalo così

Quando la routine diventa insopportabile e l'energia vitale latita, fatichiamo a cogliere il senso della vita: eppure c'è sempre, basta cercarlo nel modo giusto...

"Da qualche mese mi succede una cosa strana: ho sempre un sapore sgradevole in bocca. Non riesco più a sentire il gusto dei cibi, mi sembrano tutti amari. E anche lontano dai pasti quel saporaccio mi disgusta". Si chiama disgeusia: un’alterazione del gusto che provoca una sensazione sgradevole in bocca. Non è chiaro cosa la provochi: a volte i farmaci, altre volte è un mistero. Per Andrea, al primo incontro di psicoterapia, quel sintomo è solo la ciliegina su una torta che ha tutta l’aria di essere andata a male: "Quando ho compiuto 50 anni ho iniziato a fare dei bilanci, a chiedermi dove stia il senso della vita: non mi è piaciuto per niente. Mi sembra di non aver concluso nulla. Sì, ho il mio lavoro, una bella famiglia. Ma mi chiedo: è tutto qui? Il senso della vita è solo questo? Cerco una logica, ma non la trovo. A volte mi sembra tutto così scontato, non ci trovo più gusto", conclude con una smorfia di amarezza. Andrea non è il primo che, di fronte a un bilancio sul senso della vita, cade in un blocco esistenziale.

leggi anche: la perdita di senso che provoca la depressione

I bilanci allontanano dal vero senso della vita

Fare bilanci è una delle attività più inquinanti per la psiche: costringe a guardare le cose dal punto di vista di “quello che il mondo si aspettava da me”. Non solo: fare bilanci ci allontana da noi stessi, ma è del tutto inutile ricordare ad Andrea “quanto di bello c’è nella sua vita: prendere sul serio un atteggiamento sbagliato, anche solo per contraddirlo, è a sua volta fuorviante. L’errore di Andrea è proprio questo: cercare “una logica” dove una logica non ci può essere. Il senso della vita non sta in una sequenza di cause ed effetti, non ha nulla a che fare con progetti e realizzazioni, ma è qualcosa di affine a un profumo, a una sensazione, a una melodia, a un colore. È attraverso i sensi, attraverso il corpo, spesso attraverso i sintomi che l’anima ci fa intravedere le opportunità, le nuove pagine che si possono aprire.

Mettiti in viaggio e riscopri il senso della vita

A pensarci bene, vivere significa essere in un viaggio nel quale ogni momento è nuovo: ma se non siamo più ricettivi e aperti, se ripetiamo uno standard, se pensiamo di sapere in modo definitivo chi siamo e cosa dobbiamo fare, i sensi si spengono e quindi anche il “senso“ delle cose. Ecco la chiave: Andrea allora non ha perso il senso della vita, ha perso... i sensii, in particolare, il gusto. "Non trovo più gusto nella mia vita", dice infatti. E il suo sintomo psicosomatico, la costante amarezza in bocca, a cosa allude? Al fatto di aver smarrito il piacere, il sapore di fare “le sue cose”, di seguire le proprie tendenze, di assecondare le proprie intuizioni. I mille “sensi” che danno gusto alla vita emergono solo nel quotidiano, nei gesti, nelle azioni, nelle emozioni, negli incontri. Sono impermanenti e mutevoli. Sono le nostre fioriture, i nostri germogli.

Lontano da progetti e ideali, il senso della vita ricompare

Bisogna ritrovare il gusto: ecco come interpretare correttamente il messaggio nascosto in quel sintomo tanto fastidioso. Per farlo occorre togliersi i panni del personaggio di tutti i giorni: "Il senso per me è sposarmi e fare una bella fa miglia; il senso è trovare un lavoro di prestigio; il senso è essere buoni e fare il bene". Questi sono solo slogan, progetti dell’Io, ideali chiusi, limitati, spesso soffocanti. E se la vita avesse altri progetti per te? Se volesse farti percorrere altre strade? Ritrova il gusto: Andrea, anche grazie alla psicoterapia, ci prova e gli bastano poche sedute per riabituarsi in primo luogo a percepire i propri stati interiori senza mascherarli dietro a progetti o intenzioni. Soprattutto, ricomincia a sorprendersi, a fare cose “non da lui”, forse un po’ strane, ma che sente di dover fare: seguire un desiderio inaspettato, conoscere persone nuove, assecondare un interesse antico ma trascurato. Il senso della vita riappare: procedere nel viaggio vuol dire alimentare sempre il nostro fuoco interiore, ma per farlo occorre mettersi al centro delle cose, non alla periferia della vita.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?