L'aiuto pratico
Dimenticare fa bene all'anima

Liberarsi dal passato e dai suoi vincoli è fondamentale per vivere pienamente quel che la vita sa offrirci ogni giorno: per farlo, ricordati... di dimenticare!

Nella mitologia greca e romana Lete è il fiume dell’oblio: le Anime ne bevono l’acqua per dimenticare le vite passate e prepararsi a quelle nuove. Lo afferma il poeta Virgilio nell’Eneide, quando parla dei Beati che si abbeverano a quella fonte per affrontare liberi la reincarnazione in un nuovo corpo. L'uomo antico sapeva una cosa che noi "moderni" troppo spesso ignoriamo: non è possibile affrontare il futuro se prima non ci si è liberati dai peccati, ovvero dai pesi del passato.

Leggi anche via i rimpianti, il cervello ringrazierà!

Non riuscire dimenticare può fare male

Non dimenticare spesso significa restare ancorati alla vita di ieri, impigliati in una relazione o in una situazione ormai al tramonto e quindi imprigionati in una ragnatela di sentimenti ed emozioni che ci impedisce di aprirci al nuovo e a ciò che di bello la vita avrebbe in serbo per noi; come ricorda Virgilio, se non si dimentica non si può ricominciare a vivere… Continuare a provare rabbia, eterno rimpianto, pena, desiderio di vendetta o di rivalsa non fa bene all’Anima, che viene costretta a guardare sempre in una direzione ormai sterile. Il passato, bello o brutto ha dato i suoi frutti; ce ne sono altri da cogliere…

Dimenticare non è cancellare, ma andare oltre

Il problema non è tanto non riuscire a dimenticare quanto non volerlo fare; si preferisce il dolore noto a quello ignoto, che però potrebbe anche non esserci o essere minore di quanto si tema. Il Lete è un fiume, acqua che scorre limpida, e lava, pulisce dalle scorie di ricordi dannosi: quell’uomo o quella donna che hanno rappresentato tanto per noi, la nostalgia di un momento di tranquillità e fortuna, oppure ancora una situazione lavorativa che – pur gratificante, è ormai finita. Il fiume Lete scorre e porta via il ricordo di qualcosa che non è più e lascia liberi di vivere adesso. Dimenticare però non significa cancellare ma mettere da parte, andare oltre. Non significa distruggere ma piuttosto ricreare; il piacere di un’infanzia molto felice o al contrario l’amarezza di un’infanzia difficile e dolorosa non vanno gettati via, ma non devono neanche essere oggetto di nostalgia o disgusto perenni, perché altrimenti finiranno coll'intossicarci. 

LEGGI ANCHE Come dimenticare un amore

Come si fa a dimenticare?

Come si dimentica? Come si beve dal Lete? Innanzitutto volendo bene ai ricordi in quanto parte di noi e nulla più; i momenti passati non erano intenzionalmente belli o brutti, sono semplicemente “passati”. Poi bisogna contemplarli, rivivere con calma, quasi con pignoleria, le immagini e le emozioni e salutarle. Occorre dir loro “ Grazie, non ho più bisogno di voi, ora posso andarmene, ora devo fare altre cose, arrivederci!” Ora è il momento di fare progetti, anche piccoli, che richiedano attenzione e un po’ di tempo: aggiustare un rubinetto che perde da tempo, scegliere con calma un libro o un programma tv, provare un nuovo piatto, telefonare a un amico o ad un parente, scrivere.... cose quotidiane, dal grande potere obliante. Un sorso alla volta e la dimenticanza consentirà al cervello di lavorare meglio: dimenticare aiuta i semi che stanno aspettando a crescere e a diventare finalmente quelle piante che sono destinati a essere...

APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica

Riza Psicosomatica è il primo mensile di psicologia in Italia, diretto...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?