Invidia di coppia: perché arriva, come eliminarla
Coppia e amore

Invidia di coppia: perché arriva, come eliminarla

L’invidia è inconfessabile fra amici, figurarsi in coppia, eppure esiste: le regole per affrontarla e superarla quando si insinua fra lui e lei

Linvidia è un sentimento molto impopolare. A nessuno piace sentirsi dare dell’invidioso o ammettere di esserlo, tanto più se l’invidia nasce dentro la coppia. Eppure succede, molto più spesso di quanto lo si ammetta. Un partner che invidia l’altro, oppure entrambi che si invidiano a vicenda: in un rapporto d’amore è decisamente una stonatura e quindi finisce tra gli aspetti più inconfessabili. Ma proprio per questo è necessario parlarne: trattandosi di un sentimento carico di ambivalenze, se resta relegato nel mondo del non detto può serpeggiare all’interno della relazione, creando tensioni e sofferenze.

L’invidia di coppia è aggressività dissimulata

L’invidia di coppia non è diversa dalla normale invidia che si prova per amici, colleghi o persino per sconosciuti: sentiamo che ci manca qualcosa che l’altro ha e non riusciamo a vivere questa mancanza in modo costruttivo, anzi non la tolleriamo, o ci sentiamo annientati e umiliati e cominciamo a esserne ossessionati. Uno stato d’animo negativo (e intimamente vittimistico) ci pervade e di conseguenza, anche senza volerlo, mettiamo in campo atteggiamenti velatamente aggressivi nei confronti del partner. Non si tratta di un’aggressività agita in modo diretto e visibile: più spesso si tratta di azioni di boicottaggio o di ipercritica, ma a che vedere anche coi gesti mancati, con le condivisioni negate, coi sentimenti inespressi. Insomma l’invidioso, anche quando crede di non farlo, è in lotta con il partner e punta inconsciamente a fargli perdere quel “di più”, illudendosi di star meglio e di vedere la propria autostima crescere..

C’è un problema di autostima

La caratteristica dell’invidia è di manifestarsi tra pari o tra persone che un tempo erano alla pari, o che hanno condiviso le stesse situazioni, ma poi una ha spiccato il volo in qualche campo e l’altra no. Quando si sente che, nel paragone con l’altro, ci manca qualcosa, l’autostima evidentemente ha delle falle: non è facile vivere i successi e le qualità del partner come qualcosa che arricchisce anche noi stessi o con gioia sincera, perché il rapporto di coppia offre la possibilità di vedere di continuo le eventuali differenze a vantaggio o a svantaggio dell’uno e dell’altra. L’invidioso si ritrova così in una situazione paradossale, in cui finisce per invidiare ciò che ama del partner e per sperare che perda proprio le caratteristiche che sono quelle che l’hanno fatto innamorare.

Come si sviluppa l’invidia di coppia

In coppia l’invidia presenta implicazioni ulteriori rispetto a tante altre forme di invidia: qui c’è un progetto di vita da condividere, un quotidiano da portare avanti, una complicità da tenere viva per far fronte alle seduzioni e alle insidie dell’esterno, un’educazione dei figli da impostare, e c’è l’amore e l’intimità. Cosa può accadere se uno o entrambi s'indiviano? Quali messaggi passano, soprattutto per via subliminale, tra i due? La cosa si complica se il sentimento e la passione che ci legano all'altro sono forti: si ama intensamente l’altro e lo si detesta al contempo e, non riuscendo ad avere quello che l’altro ha, si agisce affinché di questa cosa bella non benefici nemmeno lui. È in questo momento che l’invidia diventa anche gelosia morbosa: si tende a chiudere il partner in una serie di divieti che riducono sempre di più la sua vita sociale e la sua spontaneità, trasformandola in astio e in rabbia.

Rimetti al centro te stesso e i tuoi desideri

Chi prova invidia di coppia si sente molto in colpa. E ciò lo spinge a nasconderla, persino a se stesso. Se siamo invidiosi del partner, la prima cosa da fare è riconoscerla e ammetterla; la seconda è individuare cosa vuole dirci questo sentimento circa la nostra vita, non quella dell’altro: ritrovare noi stessi, sviluppare interessi, aumentare la vita sociale, cercare soddisfazioni più autentiche. Se si riesce a osservarla costruttivamente, l’invidia può essere un indicatore importante di bisogni o desideri che abbiamo trascurato o che non sapevamo di avere.

Riapri la comunicazione e superi l’invidia

Se si osserva bene il rapporto, ci si accorge che spesso la prima causa dell’insorgere dell’invidia di coppia è la mancanza di vera comunicazione. Chi prova invidia non ne parla, ma dentro di sé soffre e si sente solo e inferiore. Sarebbe proprio il momento di parlarne a viso aperto con la persona che si ama: se si tace si peggiora la situazione, mentre l’altro si sentirà attaccato senza capire il perché. È questo schema che va spezzato: bisogna trovare il coraggio di parlare. L’invidia non è una colpa. La colpa è farla diventare un attacco al partner e alla coppia. Del resto a volte il rapporto è effettivamente sbilanciato: uno ha soddisfazioni sul lavoro, l’altro no; uno ha tanta vita sociale, l’altro no; uno ha tempo, l’altro no. Bisogna parlarne e chiedere con dolcezza ciò di cui si ha bisogno.

TAG
INVIDIA
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
La via dell'anima
La via dell'anima
Dall'alchimia alla psicoterapia le sue leggi misteriose ci guidano a ritrovare noi stessi
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?