Coppia e amore
Gli alleati della coppia sana

L’amore da solo non basta; nella vita quotidiana mille nemici insidiano la coppia: abitudini, stress, intrusioni…ecco i quattro aiuti che non devono mancare

Malgrado una certa tradizione romantica abbia elevato l’amore a panacea di tutti i mali, due cuori e una capanna purtroppo non funziona. Lo vediamo di continuo: separazioni sofferte, convivenze infernali, vite bloccate...  L’amore che s'illude di bastare se stesso, sottoposto al carico della routine, ai sacrifici e alle fatiche della vita quotidiana, invece di fiorire, si logora e implode. Riconoscerlo consente di adottare l’atteggiamento utile a superare i tanti ostacoli che una coppia deve affrontare. No alle discariche emotive e alla routine troppo scontata; no ai sacrifici o all’eccessiva dipendenza. L’amore ha bisogno di essere accompagnato da alcuni “amici” preziosi, fattori psichici che, ben coltivati e protetti, lo aiutino a tenere la rotta e, soprattutto, a rigenerarsi.

Gli ingredienti vincenti di una coppia riuscita 

Il primo di questi è l’equilibrio psichico individuale, indispensabile per garantire un assetto stabile alla propria relazione. C’è chi soffre di continui sbalzi d’umore, di ansia o depressione e permette loro di invadere l’atmosfera di coppia, sperando che l’altro sopporti. Certo, il rapporto deve poter accogliere i problemi di entrambi, ma non può essere la discarica dove sfogare tutto. Prendersi cura di sé proteggerà il rapporto. Il secondo amico è il comfort, intesto come possibilità di sentirsi a proprio agio. Serve un’atmosfera dove ognuno possa esprimersi liberamente, senza gabbie dettate da imposizioni e gelosie. Il terzo amico è la flessibilità che offre la possibilità di cambiare pur senza disdegnare il piacere del conosciuto, ossia di una routine sufficientemente sana nella quale, ciclicamente, sia possibile assecondare i continui mutamenti degli individui e della coppia. Ultimo amico: la condivisione. In un’epoca segnata dall’individualismo, è facile trovare partner alla ricerca di una realizzazione esclusivamente personale. L’amore, però, per restare in vita, ha bisogno che il percorso di ciascuno – necessario e salutare - venga affiancato da momenti comuni, progetti ed interessi da condividere con l’altro. Si tratta di 4 elementi da ricercare attivamente ma che, una volta sviluppati e dosati con sapienza, non potranno che portare importanti benefici.

L’amore non è agio ma stimolo e azione 

Alcuni consigli pratici possono essere d’aiuto per evitare di adagiarsi all’interno di relazioni eccessivamente scontate, soffocanti o prive di stimoli.

Cambia mentalità. Prendere atto che l’amore, da solo, non basta e che ha bisogno di aiuti non significa svilirlo ma sottolinearne il valore, riconoscendo la necessità di impegnarsi attivamente per il benessere del rapporto e per la sua vitalità.

Evita gli stereotipi. “Il matrimonio è la tomba dell’amore”; “le grandi passioni portano sempre a grandi dolori”: frasi del genere sono solo veleno, frutto di esperienze altrui, spesso mal gestite. Noi abbiamo le nostre chance e dobbiamo giocarle senza pregiudizi. Aderire a modelli altrui non può che nuocere all’unicità della nostra relazione.

Accetta i momenti difficili. Se, in passato, la cultura del sacrificio obbligava a tenere in vita relazioni ormai prive di vita, oggi la cultura del “tutto e subito” impedisce di superare anche le piccole crisi o di cogliere il senso di quelle crisi. Tante volte riflettere su quel che accade, invece che trarre conclusioni affrettate, può essere una grande occasione di crescita, sia individuale che di coppia.

APPROFONDISCI
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?