Mangiare sano
Dolcificanti: come scegliere il più sano?

Se hai bisogno di un'alternativa allo zucchero, la strada migliore è quella di utilizzare solo i dolcificanti completamente naturali e sempre con moderazione

I sostituti dello zucchero: pro e contro

L'uso dei dolcificanti come sostituzione dello zucchero è sempre molto dibattuto. Una nostra lettrice scrive: "Non riesco a rinunciare al cucchiaino di zucchero bianco nelle bevande. Lo metto nel caffelatte della colazione e nel caffè dopo pranzo, in dosi abbondanti. E lo stesso mi capita con le tisane, ne bevo tre tazze al giorno!. Da un po' di tempo però, leggendo anche di notizie allarmanti sullo zucchero, mi chiedo se sia meglio usare un'alternativa. Lo zucchero di canna è lo è? Qual è il dolcificante migliore?".

Leggi anche: i sostituti sani e naturali dello zucchero

I dolcificanti vanno assunti con moderazione

I dolcificanti più diffusi in commercio vanno utilizzati comunque con equilibrio: ciò vale per il fruttosio, che fa aumentare i trigliceridi, e per il sorbitolo, anche se quest'ultimo ha meno controindicazioni del primo. Entrambi ad esempio vanno evitati dai diabetici. Sono del resto numerosi gli studi che confermano che l'organismo reagisce ai dolcificanti mettendo in atto gli stessi meccanismi nocivi tipici degli zuccheri a veloce assimilazione. La cosa migliore sarebbe dunque abituarsi piano piano a non utilizzarli, diminuendo la dose di zucchero lentamente fino a riuscire a farne a meno. È una questione di abitudine, più semplice di quanto si pensi.

Poche differenze chimiche fra i dolcificanti "classici"

Se parliamo poi degli zuccheri più tradizionali, uno studio americano ha recentemente stabilito che, nelle dosi di 32 grammi al giorno per la donna e 42 grammi al giorno per l'uomo, lo zucchero bianco sia tollerabile e non faccia ingrassare. Se si rispettano queste dosi, dunque, non serve sostituirlo. Dal punto di vista nutrizionale poi, non c'è sostanziale differenza tra zucchero di canna e quello bianco e nemmeno negli aspetti chimici dello zucchero, come l'aumento della glicemia che provoca, poiché anche il semplice sapore dolce determinerebbe una stimolazione dell'insulina.

Stevia e liquirizia, dolcificanti naturali e sicuri

In ogni caso, esistono due dolcificanti naturali che possono essere utilizzati di tanto in tanto: per addolcire tè e tisane puoi usare la radice di liquirizia o le foglie di stevia ridotte in polvere. Assicurati però di acquistare il prodotto puro e non trattato chimicamente. Queste erbe non hanno aggiunta di zuccheri per cui non scatenano le problematicità dei dolcificanti artificiali più comuni, sulla cui innocuità esistono ancora forti dubbi. 

APPROFONDISCI
Dimagrisci con i menu a basso indice glicemico

Ecco il modo migliore per perdere peso senza riprenderlo

CONSIGLIATO PER TE
Stop allo zucchero

Eviti il diabete, dimagrisci e ti allunghi la vita

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?