Mangiare sano
Voti più alti se la dieta è ricca di ferro

Per la concentrazione e l'apprendimento, il ferro è fondamentale: uno studio rivela che chi mangia cibi che ne sono ricchi ha un rendimento scolastico migliore

Legumi, cereali integrali, cacao, verdura a foglia verde, carne rossa (ogni tanto), alghe e frutta secca non devono mai mancare sulla tavola di chi studia. Questi alimenti sono ricchi di ferro, un minerale essenziale per il rendimento scolastico. Lo ha dimostrato uno studio della University of Nebraska-Lincoln e della Pennsylvania State University pubblicato su The Journal of Nutrition. Gli esperti hanno seguito 105 donne più e meno giovani (di un'età compresa tra i 18 e i 35 anni), studentesse universitarie, monitorando la loro dieta, la loro attività fisica e la media dei loro voti. Ne è emerso che le donne che consumavano più cibi contenenti ferro avevano un rendimento scolastico migliore. Non solo: chi era più in forma fisicamente, aveva voti più alti

Il ferro aumenta la concentrazione

Il ferro è il minerale che contribuisce al trasporto di ossigeno verso organi e tessuti. Il ferro è dunque indispensabile per la sintesi di emoglobina (la proteina che trasporta l’ossigeno nel sangue), mioglobina (la proteina “impalcatura” dei muscoli”) e collagene (proteina strutturale). Il ferro è essenziale per la sintesi di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e noradrenalina, e quindi importantissimo per il funzionamento del sistema nervoso: il ferro aiuta la concentrazione, facilita l’apprendimento e alza il tono dell'umore.

Attenzione agli abbinamenti alimentari

Ma quanto ferro è necessario per stare bene? Secondo la dottoressa Karsten Koehler, autore della ricerca, la dose giornaliera raccomandata è di 10 milligrammi, ma le donne e gli adolescenti ne hanno più bisogno (18 e 12 milligrammi rispettivamente). Per garantire la quantità necessaria all'organismo, dovete mangiare gli alimenti che lo contengono: legumi, cereali integrali, cacao, verdura a foglia verde, carne rossa (una o due volte alla settimana), alghe e frutta secca. È bene fare attenzione anche agli abbinamenti: il ferro disponibile diminuisce con la cottura, specie se in acqua. Anche l’eccesso di fibra limita la biodisponibilità del ferro, così come tè e caffè (da consumare lontano dai pasti) e i latticini (per via del calcio)

Spinaci e verdure verdi sempre col limone

Ci sono poi associazioni che favoriscono l'assorbimento del ferro: l'acido ascorbico (ovvero la vitamina C), l'acido folico (vitamina B9), l'acido citrico, i sulfidrili e i composti che lo mantengono solubile, come fruttosio e amminoacidi. Ecco perché si consiglia sempre di spremere mezzo limone sugli spinaci o le verdure a foglia verde. Agiscono favorevolmente all’assimilazione del ferro anche minerali come zinco e rame.

APPROFONDISCI
10 minerali preziosi per la tua salute
Sono indispensabili per proteggere tutti gli organi, come assumerli nel modo giusto
AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?