Carciofo, il re della dieta d’inverno
Cibo

Carciofo, il re della dieta d’inverno

Il carciofo, ricco di acqua, vitamine, sali minerali e antiossidanti, ha un potente effetto diuretico e depurativo, stimola il metabolismo e aumenta il senso di sazietà. Ecco perché è un ortaggio davvero prezioso

100 grammi di carciofi contengono 22 calorie, 91,3 grammi di acqua e 5,5 grammi di fibra totale: ecco la carta d’identità di questo ortaggio che non dovrebbe mai mancare in un regime alimentare sano ed equilibrato perché l’alta percentuale di fibre vegetali e acqua al suo interno stimolano il funzionamento dell’intestino. Il suo sapore amaro e l’effetto drenanate sono dovute alla presenza di cinarina che, producendo acido caffeico nel tratto gastro-intestinale, favorisce l’assorbimento dei grassi, mentre la depurazione intestinale e l’attivazione del metabolismo è opera dell’inulina, una potente sostanza prebiotica, che favorisce anche la digestione. Ma le virtù del carciofo non finiscono qui: contiene anche vitamina A, vitamine B1, B2, C e PP, potassio diuretico (376 mg), ferro in una forma facile da assimilare, fosforo, calcio e magnesio.

Crudi o cotti, meglio mangiare i carciofi prima dei pasti

Il carciofova consumato fresco, cotto o crudo, e se prendiamo la buona abitudine di mangiarne uno o due come antipasto ci aiuterà a controllare la fame e a limitare gli eccessi calorici. Se scegliamo di mangiarli crudi le due varietà più indicate sono il violetto di Albenga, spinoso con foglie verdi e sfumature viola, al palato croccante, delicato e leggermente amarognolo e il carciofo sardo dal capolino allungato verde, sfumature violetto-brune, spine, gambo tenero e poco fibroso, dal sapore amarognolo-dolciastro. È sufficiente dopo averli lavati, puliti e privati di barba e spine, tagliarli a listarelle sottili sottili e condirli con un cucchiano di olio evo, succo di limone e prezzemolo.

Un’alternativa è provare questo ortaggio in centrifugato: un carciofo ben pulito, tagliato a spicchi, un rametto di basilico, mezzo bicchiere di succo di limone e un bicchiere d’acqua naturale, da condire poi con un pizzico di pepe nero e origano secco. Per godere, invece, di un super effetto drenante e sgonfiante, affidiamoci alla tisana di carciofo da prepare con 30 foglie di carciofo essicate (si trovano in erboristeria o si possono preparare in casa),  40 g di crisantello americano e 30 g di tè verde. Mettere due cucchaini di questo mix in una tazza di acqua bollente e dopo 5-8 minuti filtrare e bere, due volte al giorno.

In tintura madre per combattere i chili in più

Assumere gli estratti di carciofo in tintura madre aiuta a bruciare i grassi ed è un ottimo integratore durante una dieta: prendere 30 gocce, 3 volte al giorno in un bicchiere d’acqua per 2 mesi. Al mattino si può sostituire l’acqua con una spremuta di pompelmo per stimolare maggiormente il metabolisno. ATTENZIONE - In caso di calcoli biliari è meglio non mangiare carciofi per non correre il rischio di scatenare dolorose coliche.

TAG
CARCIOFI
APPROFONDISCI
Alimentazione Naturale
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

CONSIGLIATO PER TE
Dimagrire
Dimagrire

Dimagrire è la rivista con i consigli pratici per non ingrassare e perdere peso.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?