Scopri il tuo talento

 

 
Scopri il tuo talento

Ecco un esercizio che ti aiuta a far emergere aspetti di te che non sapevi di avere.

 

Ognuno ha un talento, occorre scoprirlo!

Conosci te stesso e il tuo vero talento?

Molti pensano di conoscere davvero se stessi e dicono: «Io sono fatto così». In realtà non si deve puntare a una conoscenza permanente di se stessi: l'anima ha più volti e un'identità mutevole. Conoscersi non significa quindi identificare un'immagine sempre uguale, anzi in tutti c'è sempre una sorpresa. Se pretendiamo che l'anima abbia un'identità unica e immutabile, rischiamo di ammalarci di depressione o di attacchi di panico. Spesso questi disturbi, infatti, arrivano per ricordarci che non stiamo realizzando la nostra vera natura, che ci stiamo limitando. In tal modo non potremo conoscere il nostro talento.

L'esercizio per scoprire il tuo talento

Prova a scrivere su di un foglio, sinteticamente, la storia della tua vita: le tappe essenziali, gli eventi che l'hanno condizionata, le aspettative e i progetti per il futuro. Quando hai finito, mettilo da parte.

Ora cambia foglio e rispondi semplicemente alle domande poste qui di seguito (se non ricordi qualcosa chiedi aiuto a genitori o a familiari).

1) Cosa facevi di strano da piccolo?
Spesso i bambini presentano comportamenti bizzarri e originali, in genere non gli si dà alcuna attenzione, eppure in essi si nasconde il seme di un talento, di un destino che ci attende ma da cui rischiamo di allontanarci.

2) A cosa non rinunceresti mai?
Toglietemi tutto tranne... Anche per te c'è qualcosa di irrinunciabile? Non ci riferiamo alle abitudini o alle dipendenze, ma a quel qualcosa che dà senso alla  vita... Potrebbe rivelarsi un indizio importante per conoscere se stessi.

3) C'è un posto in cui ti trovi davvero a tuo agio?
Immagina di dover individuare  il "luogo dell'anima", ovvero il tuo habitat naturale, l'ambiente che ti fa sentire a casa. C'è un posto, o un modo di essere, che sono solo tuoi: essere "nel posto giusto", nella vita, è fondamentale.

4) Cosa temi di più?
Siamo abituati a leggere le paure e le fobie solo come una difficoltà nell'affrontare la vita, eppure a volte sono il presentimento del futuro che ci attende e che per il momento temiamo in quanto non ci sentiamo ancora pronti per affrontarlo.

5) Quale senso hai più sviluppato?
Olfatto, udito, vista, tatto, gusto: ognuno di noi ha una modalità sensoriale che lo connota, spesso già dalla prima infanzia questo canale sensoriale privilegiato s'impone con più evidenza.
È essenziale scoprirlo perché può fare emergere una via senza ostacoli per far parlare l'anima e orientarci alla vita.

6) Hai dei sogni ricorrenti o una fantasia che ritieni importante?

La nostra guida interiore si manifesta attraverso sogni o nelle fantasie ad occhi aperti, quelle che teniamo segrete.

L'autostima

9,90 euro

I test, gli esercizi e i consigli pratici per riscoprire e valorizzare il migliore alleato che tu possa avere: te stesso. Come riguadagnare la fiducia in sé e saper vivere meglio il rapporto con gli altri, con la persona amata e con i familiari.

 
Acquista
 
Possiamo considerarle immagini "anticipatorie", come se qualcosa in noi avesse una percezione più allargata.

7) Che cosa fai senza fatica?
Ci sono azioni che ci risultano estremamente naturali, più facili di altre da realizzare, che scorrono fluide e senza ostacoli e mentre le facciamo siamo particolarmente a nostro agio, in una dimensione senza tempo.

8) Qualcosa ha cambiato il corso della tua vita?
Non tutti i mali vengono per nuocere... Qualcuno viene per impedirci di insistere a perseguire strade sbagliate e imboccarne altre più consone alla nostra vera natura. Così capita che dobbiamo "ringraziare" piccoli e grandi incidenti di percorso per averci aperto gli occhi sul nostro vero destino.

 

Come interpretare le tue risposte (e scoprire il tuo talento)

Mettendo le due biografie, quella tradizionale e quella tracciata con le domande che ti abbiamo proposto, uno in fianco al'altro, ti accorgerai che hanno davvero poco in comune. C'è nella "biografia dell'anima" qualche elemento che ti colpisce di più? Che personaggio affiora? Ha delle caratteristiche nuove? Cosa ti colpisce di lui? Qual è l'evento che secondo te ha un significato speciale? Quali sono gli altri elementi che via via emergono per arricchire il profilo della tua anima?
Da questo esercizio può cominciare ad affacciarsi un "te stesso" con caratteristiche assai originali, uniche e che ti aiutano ad avvicinarti al tuo vero talento.

Ultimi articoli

Componente non configurato.
 
 
naomi 27/08/2013 12:02

mio Dio e le pubbliacate pure queste cretinate?

nikoletta 30/07/2013 23:59

sono interessata all'argomento sulla scoperta dei talenti

viola la prostituta 21/02/2013 15:19

bhe sti test sono fichi però sono test troppo lunghi

miriam23 11/02/2013 21:47

ma a cosa serve quel codice?

mighi 07/01/2013 19:57

il brano pure se o letto a metà mi è sembrato avvincente ma alcune parti come la domanda 7 è quella che ti fa ragionare di piu' . che cosa fai senza fatica?
io ad esempio sono molto bravo a matematica e in disegno tecnico ma nelle lingue letterarie non so un granchè anche se me la cavo. va be grazie per questo testo e ciao

Ilarya 02/05/2010 15:06

curiosità!

Alla prima biografia non mi è venuto in mente niente...tappe...eventi che hanno condizionato la mia vita, ecc. aahhah mentre nella seconda quella con le domande si.....

mariella 68 19/04/2010 19:06

conosco il mio carattere

io so bene qual'e il mio carattere cosa mi piace e come mi piace essere ma purtroppo le scelte di vita che ho fatto non permettono di usare il mio talento r il mio carattere mi sento spesso mortificata come poter riuscire a emergere senza dover cambiare tutto della vita che ho scelto?

cenerentola79 27/12/2009 21:54

a che serve?

A che serve avere talento se tanto in questa società i lavori migliori e la vita più comoda ce l'hanno solo le persone fisicamente belle o i ricchi che possono comprare tutto e tutti.

doriana 22/11/2009 14:57

un pò di tutto

io ricordo la mia ribellione, la mia intelligenza ed enorme bontà poichè me lo ripetevano continuamente in collegio, per il resto riesco solo a vedere immegini di provazioni e abusi subiti. Forse per questo mi pongo tante domande ed ho mille incertezze, mi sento curiosa di tutto e non ho un luogo bene preciso dove vivere bene, certo adoro il mare e la sabbia, ma anche le montagne innevate, mi piace l'arte e non riesco a vivere senza musica, i miei sogni, anche ad occhi aperti, sono legati alla musica ed alla danza. Pur ricordando ed accorgendomi di tutto questo, non riesco a scoprire il mio talento, la mia mente vaga continuamente ed a volte sono molto stanca perchè non trovo un giaciglio su cui distendermi. Doriana

JUSTFORLOVE 31/08/2009 13:55

io

io conosco la strada ma non la direzione e di fronte alle scelte di qualsiasi genere resto ferma ad interrogarmi ma senza darmi risposta........che ne direbbe morelli?

 

Test

Quanto

Quanto "pesano" i tuoi ricordi?

Scopri se hai un rapporto sano con la tua memoria o se rischi di rimanere imprigionato nel passato.

fai il test
 
 

Istituto Riza di Medicina Psicosomatica

L'istituto Riza di Medicina Psicosomatica, fondato nel 1979 da Raffaele Morelli insieme a un gruppo di medici, psicologi e ricercatori, ha lo scopo di studiare l'uomo come espressione dell'unità psicofisica, riconducendo a questa concezione l'interpretazione della malattia, della sua diagnosi e della sua cura. 

Istituto Riza di Medicina Psicosomatica
Via Quadronno 20, 20122 Milano.
Per informazioni e appuntamenti per psicoterapie: 02 58 45 96 24 (dal lunedì al venerdì, 9-13, 14-18). 

 

 

Il linguaggio del volto

Vittorio Caprioglio

8,70 €
Acquista
 

Sondaggio

Come va la digestione?
Come va la digestione?

Da “lei” e dal buon funzionamento generale dello stomaco può dipendere molto del nostro benessere. E tu sai prenderti cura del tuo stomaco?