Aggiungi un commento

Diego 21/10/2016 06:02

Aggiungo che, la paura, può essere reale o immaginaria.

alfonso 20/10/2016 21:55

In effetti la paura e mancanza di coraggio ,vorrei raccontare la storia di Ferdinando e Carmelo uno era coraggioso chiedeva tanto ,era disoccupato e aveva chiesto a tanti se potevano assumere, ma tutti le hanno detto di no, chiedeva un prestito e tutti le hanno detto di no corteggiata ragazze, ma nessuna lo voleva .Carmelo invece non chiedeva mai e niente otteneva, già Ferdinando almeno ha provato.

adele cusanelli 20/10/2016 17:34

esta bella lettura parla di paura "ragionevole" in cQuui il soggetto è praticamente l'artefice sia dello stato di forte disagio sia della capacità di riprendere le redini del proprio agire;come in un sogno.Non può parlarsi di panico!!! Il panico è improvviso e,per quel che ne so,per esperienza diretta ,ha sintomi fisici evidenti,ineluttabili.Senza voler banalizzare,il panico va curato al momento affinchè le conseguenze non siano troppo gravi.La paura può accompagnarci anche tutta la vita perchè dipende da esperienze di sofferenze reali già patite che si preferirebbe evitare.Sottoporsi nuovamente ad un importante intervento chirurgico senza la certezza di guarire...Questa evenienza procura paura reale.E' il mio caso.Grazie.

Paola 20/10/2016 09:55

Se questa è la descrizione di un attacco di panico, quasi mi dispiace di non averne:
Una cosa semplice quanto naturale come la paura diventa un film ...